Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

La staffetta

7 Febbraio 2014, 23:11pm

Pubblicato da albertobaldazzi

staffettaI Tg di venerdì 7 febbraio - Quasi tutti i Tg inseguono anche la mimica facciale di Renzi e Letta, i loro tweet, i loro retropensieri; conseguentemente la serata è pomposamete presentata come il day after di una direzione Pd che, in realtà, non ha detto e non ha deciso niente. Dalla “resa dei conti” riciclata in apertura dal Tg5, al ripudio del “voto subito” con cui esordiscono Tg3 e Tg2, alla reciproca negazione della volontà di governare insieme sbandierata da Berlusconi e Renzi e proclamata da Tg1, ai moduli di gioco “rimpasto, Letta 2, Renzi 1”, sembra quasi di assistere ad una stucchevole discussione su altre staffette, la più storica delle quali risulta ancora quella “Rivera - Mazzola”, dignitosissima per i calciofili, ma ininfluente per i cittadini. Tg2 ha il pregio di limitarsi a quel “minimo” di cronaca di giornata, evitando di inflazionare analisi e commenti molto simili a chiacchiere da bar sul migliore attacco della nazionale. A supportare le stressate redazioni, su Tg 4 Ferrara intona il De profundis a Letta, mentre su TgLa7 Padellaro e Sorgi timbrano il cartellino di giornata nulla spiegando e nulla aggiungendo ad uno sciroppo melense dalle dubbie qualità terapeutiche. Se anche Mentana per allungare il brodo non si sente in grado di “bastare a se stesso”, significa che la minestra è e resta sempre insapore. Intanto “la strana coppia” Renzi-Letta rafforza la propria visibilità; che non sia questo l’obbiettivo dei tanti colpi mimati e mai affondati?

Le notizia “vere” di giornata sono la richiesta di condanna per Grillo a 9 mesi per le vicende della Tav, presente su tutti nei titoli, e sulla quale va segnalata la posizione di Paolo Liguori, che su Tg4 attacca Grillo ma, soprattutto, la magistratura, responsabile secondo lui di voler mettere un “bavaglio giudiziario all’opposizione politica”, la qual cosa chiaramente ricorda altre vicende che hanno riguardato un leader politico in particolare. C'è poi la decisione del capo dell'Agenzia Spaziale Italiana di farsi da parte, dopo che ieri diverse sedi e abitazioni private di dirigenti sono state perquisite; titolo per Tg4.

Abbiamo già segnalato come si stia sempre più imponendo la presenza di filmati esterni e non prodotti dai tg; anche questa sera si assiste ad una vera inflazione di telecamere fisse, telefonini di cyberbulli, produzioni degli uffici stampa della polizia o dei carabinieri. Per qualcuno, è il caso di Studio Aperto di stasera che impagina solo titoli e servizi di cronaca nera, quando i filmati eteroprodotti non sono sufficienti ci si aiuta con le immagini d’archivio che ripropongono i crimini degli ultimi anni, giustapposti alle new entry di Nostra Signora Criminalità. Tg 4 dedica più di dieci minuti in apertura al “film della paura in città”, inanellando crimini vecchi e nuovi che da Milano, “città violenta” anche per colpa di Pisapia (almeno secondo Feltri), si espandono al centro come al sud. Anche i Tg Rai e persino La7 abbondano di filmati “esterni”, e questo ci fa sospettare che i budget ridotti inducano a fare edizioni di telegiornali con i fichi secchi.

La lettera con cui Napolitano ha risposto ai due extracomunitari che gli avevano chiesto un intervento sui Cie è oggetto di attenzione solo da parte del Tg2, e lo stesso vale per l’imminente commemorazione delle foibe. Tsipras, a Roma per cementare la nascente lista della sinistra estrema alle europee, è solo su Tg3 e Tg1; in proposito vi segnaliamo l’interessante Otto e mezo di serata, dove il leader greco chiarisce che bisogna rifondare l’Europa, e non abbandonarla.

Tg1 è l’unico che festeggia il livello degli interessi sui Btp ai minimi storici dal marzo 2006, proprio nel giorno in cui la Suprema Corte tedesca ingaggia un braccio di ferro con la Bce sulla gestione del fondo salva stati e sull'acquisto di titoli del debito pubblico dei paesi in maggiore difficoltà (titolo per TGLa7). L'’apertura dei Giochi di Sochi non entusiasma più di tanto; titoli per tutti, ma solo TgLa7 presenta un servizio che rende la complessità dell'evento.

Alberto Baldazzi

I TG di giovedì 6 febbraio 2014 Tg1 - ore 13:30 4.053.000, 22,96% ore 20:00 6.040.000, 23,22%. Tg2 - ore 13:00 2.547.000, 15,92% ore 20:30 2.021.000, 7,13%. Tg3 - ore 14:30 1.866.000, 11,48% ore 19:00 2.227.000, 11,21%. Tg5 - ore 13:00 3.314.000, 20,56% ore 20:00 5.430.000, 20,78%. Studio Aperto - ore 12:25 2.141.000, 16,78% ore 18:30 929.000, 4,88%. Tg4 - ore 11.30 443.000, 6,34% ore 18:55 844.000, 4,26%. Tg La7 - ore 13:30 869.000, 4,91% ore 20:00 1.715.000, 6,51%.

Fonte:www.tvblog.it

La staffetta

Commenta il post

La staffetta (I Tg di venerdì 7 febbraio) | nandocan magazine 1 02/08/2014 12:32

[…]   […]

La staffetta 02/07/2014 23:13

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]