Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Totò e Peppino

11 Gennaio 2013, 15:22pm

Pubblicato da albertobaldazzi

17113b_toto-peppino-e-i-fuorilegge-rc-visore-560x254I Tg di venerdì 11 gennaio – Tanto di cappello ai grandi dello spettacolo (teatro, cinema o TV che sia), e sinceri complimenti per quello che è andato in onda ieri sera a Servizio Pubblico. L’onda lunga dei (quasi) 9 milioni di telespettatori ha sommerso anche gli odierni TG, strapieni di “ritagli” dall’incontro-scontro Berlusconi-Santoro-Travaglio. Difficilmente tre soli attori riescono a reggere da soli 3 ore di diretta. La scena del litigio e della mancata stretta di mano navigherà chissà per quanti anni sul web e sui blob. Ciò non significa che il programma abbia svolto realmente il compito – se mai se lo fosse posto – di informare e orientare i telespettatori all’interno della bolgia elettorale.

Tornando ai “nostri” Tg, va comunque riportato a galla il reale profilo che anche in questo caso ha informato i servizi delle diverse testate. I tre Mediaset hanno proposto una vera e propria apologia delle qualità del Capo e ciò si spiega in primo luogo con il fatto che il Capo è anche il loro proprietario. TG la 7, che con Mentana ha parlato di un Berlusconi “che forse torna in corsa”, ha soprattutto magnificato i risultati della rete (la propria!) su cui il programma è andato, facendole ottenere il record assoluto di ascolti. Per sovramercato uno dei commentatori chiamati in campo, Antonio Padellaro – per altro assai equilibrato nei giudizi – è espressione di uno dei soci della compagnia che edita proprio Servizio Pubblico. Tg 1, non più minzoliniano e neanche maccariano, ha comunque raccolto il reale entusiasmo del “cerchio berlusconiano”, con Lupi che annuncia il (solo) – 7% della destra nei sondaggi rispetto al centro sinistra. Lo stesso ha fatto il Tg 3. Il Tg ha fatto il “suo”.

Estraniandoci per un attimo dalla cronaca e dalla routine, vogliamo segnalare che nessuno degli elementi che abbiamo sottolineato ( proprietà di reti televisive da parti di protagonisti della politica, incroci societari, un servizio pubblico con linee editoriali controllate dalla politica) è rintracciabile in simile proporzioni negli altri sistemi televisivi avanzati.

Per il resto la presentazione delle liste con la ricomparsa di “furbetti”, dei copioni e delle conseguenti proteste, ha completato la pagina politica; grande spazio in Tv a chi in Tv non vuole andare: Beppe Grillo a lungo ripreso in un (altro) spettacolo, questa volta estemporaneo, davanti a Viminale.

Bene lo spread, che se continua così fra poco non farà più notizia, ma che stasera è presente nei titoli dei TG Rai. Ampiamente diffusa la sentenza della Cassazione che afferma la mancata evidenza scientifica di problemi per la crescita dei minori allevati in una famiglia gay.

TG 5 dedica l’ apertura alla scomparsa di Mariangela Melato, ricordata con buoni servizi da tutte le testate. Ci mancherà.

Lorenzo Coletta

 

Dati Auditel dei Tg di giovedì 10 gennaio 2013

Tg1 – ore 13:30 4.276.000, 22,70% ore 20:00 6.064.000, 22,50%. Tg2 – ore 13:00 2.901.000, 16,99% ore 20:30 2.089.000, 7,15%. Tg3 – ore 14:30 2.250.000, 13,22% ore 19:00 2.557.000, 12,62%. Tg5 – ore 13:00 3.657.000, 21,18% ore 20:00 5.926.000, 21,95%. Studio Aperto – ore 12:25 2.482.000, 18,40% ore 18:30 1.413.000, 8,47% (1P); 959.000, 4,93% (2P). Tg4 – ore 14.00 852.000, 4,71% ore 18:55 935.000, 4,64%. Tg La7 – ore 13:30 924.000, 4,89% ore 20:00 2.283.000, 8,47%.

Fonte: www.tvblog.it

Totò e Peppino

Commenta il post