Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Tanto rumore per nulla?

7 Novembre 2014, 23:13pm

Pubblicato da albertobaldazzi

commediaI Tg di venerdì 7 novembre - Ieri sera eravamo stati profetici nel titolare dubitativamente sulle “novità” nel quadro politico italiano. Tg3 questa sera ci fa (più autorevolmente) il verso, nicchiando sulla politica dei due forni, sugli scricchiolii del Nazareno e riportando la critica dello stesso Renzi che prima lancia il sasso della rottura del Grande Patto, poi ritira la mano e la rivolge contro il mondo dei media, inaspettatamente rianimato dalle schermaglie di cui è vissuto negli ultimi 30 anni. Le altre testate Rai e La7 inseguono le presunte novità dell’apertura dei Cinque Stelle: Toninelli, Di Maio fanno gli equilibristi per negarle e al contempo confermarle. Sintomatico il comportamento di Mediaset. Tg4 assicura che l’accordo Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale (e non solo) terrà, perché Forza Italia è seria e responsabile. Tg5 paventa qualche rischio, ma l’obbiettivo sembra essere quello di tacitare i dissensi interni al partito dell’ex Cav., più che l’attacco a Renzi. Anche stasera il capogruppo Romani, ripreso da tutti, promette in sostanza fedeltà se non anche sottomissione ai voleri del premier. Ieri Toti era stato ancora più esplicito: “Renzi ha già apportato 9 modifiche all’Italiacum che Berlusconi ha accettato. Se ne vuole un’altra, che almeno faccia finta di concordarla!” Tornando ai Cinque Stelle, la vittoria sbandierata sull’elezione del penultimo membro della Consulta per i soloni e gli analisti della carta stampata li rimetterebbe pienamente in gioco. Non sarebbe male, ma ricordiamo che il successo pentastellato consiste nell’aver accettato il nome proposto dal Pd, seppure con il contentino dell’elezione di un membro del Csm proposto da loro indicato; il tutto annaffiato con le bollicine del voto sul web. Se la rotta del governo appare pienamente confermata e nella regata della politica Renzi veleggia con decine d’imbarcazioni di vantaggio, le “uovazioni” (come le ha chiamate Crozza) che ha ricevuto nelle recenti uscite pubbliche lo hanno spinto a cambiare il tiro. Su tutte le testate compare il suo ulteriore appello a non fare del lavoro un’arena dove si lotta all’ultimo sangue. Camusso ha buon gioco ad affermare che “ha cominciato lui”. Forse il premier, avvilito dall’assenza di concorrenti nell’agone politico, nel crearne uno nell’area sindacale ha fatto il passo leggermente più lungo della sua gamba e ora usa (come segnala Tg2) toni diversi: c’est a dire che i suoi unici nemici sono parti della sua mente. Il LuxLeaks sbattuto in prima pagina ieri sera da un attento Mentana, questa sera diventa merce ordinaria per tutte le testate. Il maltempo ed il ciclone che mentre scriviamo sta lambendo le coste della Sicilia orientale occupa parte consistente in tutte le edizioni. Segnaliamo in proposito che i teleutenti hanno premiato i Tg degli ultimi giorni con ascolti intorno ai 20 milioni per le edizioni di prime time, certamente spinti dalla umana partecipazione alle difficoltà e ai drammi di chi in tante regioni si trova sott’acqua e/o senza casa.

Gli auguri a GIGGIRRIVA per i suoi 70 anni sono presenti sia su Mediaset che sulla Rai. Le tante immagini in bianco e nero che hanno riproposto il volto e i goal di Rombo di Tuono, saranno state – ne siamo certi – assai gradite ai teleutenti come noi attempati. Il servizio migliore? Quello su Tg3 che ha riprodotto il profilo umano e “politico” di un uomo che è stato e rimane qualcosa di più di un mito del calcio.

Sempre in tema di commemorazioni, a due giorni dai 25 anni che ci separano dall’abbattimento del muro di Berlino, tante le ricostruzioni nei Tg di serata. Tg2 sceglie di illuminare gli immediati riflessi nella politica italiana con un lungo approfondimento sullo storico passaggio dal Pci al Pds.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei Tg di giovedì 6 novembre 2014 Tg1 - ore 13:30 3.809.000, 21.33% ore 20:00 6.090.000, 23.44%. Tg2 - ore 13:00 2.837.000, 17.32% ore 20:30 2.439.000, 8.75%. Tg3 - ore 14:30 2.101.000, 13.04% ore 19:00 2.292.000, 11.34%. Tg5 - ore 13:00 3.373.000, 20.32% ore 20:00 5.525.000, 20.98%. Studio Aperto - ore 12:25 2.348.000, 17.41% ore 18:30 1.154.000, 6.86%. Tg4 - ore 11.30 575.000, 7.70% ore 18:55 981.000, 4.88%. Tg La7 - ore 13:30 625.000, 3.50% ore 20:00 1.366.000, 5.23%.

Fonte:www.tvblog.it

Commenta il post

Tanto rumore per nulla? 11/07/2014 23:15

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]