Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Post con #trump, usa, clinton, tg3, russia, tg2, tg la7, trump, washintgon post, netanyaha, noemi di segni, trump-gate, tassisti, roma, milano, sciopero, mediaset, tg1, mille proroghe, senato, tg4, terremoto, scissione, pd, renzi, bersani, riccardo barenghi, editorial, raggi, romeo, polizza, esposto, regione abruzzo, d’alfolso, consip, petruzzelli, bari, tangentopoli, anniversario, gherardo colombo, libia, sbarchi, profughi, siria, staffan de mistura, isis, attentati, almaviva, radio mediaset, duomo di milano, palme

“One or two it’s the same”

17 Febbraio 2017, 02:50am

Pubblicato da Alberto Baldazzi

“One or two it’s the same”

I Tg di giovedì 16 febbraio – Se le proteste dei tassisti e gli scontri interni del partito democratico trionfano in apertura di 6 delle 7 testate, stasera Tg2 si distingue tornando alle dichiarazioni di Trump durante l’incontro col premier israeliano Netanyahu. Ieri il neopresidente USA si è espresso sul conflitto israeliano palestinese dicendo che “uno o due stati vanno bene lo stesso, purché si arrivi ad un accordo”: parole che, nei fatti, sembrano scardinare 20 anni di mediazione iniziata da Clinton, abbattendo il principio di “due popoli-due stati” che faticosamente anche l’amministrazione Obama aveva cercato di rilanciare. Una svolta storica e piena di incognite, insomma, ma che nei servizi delle altre testate finisce in secondo piano rispetto all’acceso scontro tra il neopresidente USA e la sua stessa intelligence, che Trump accusa di fornire alla stampa una serie di falsità sui rapporti del suo staff con la Russia (primo titolo per Tg3). Anche in questo ribolline di notizie, Tg2 tiene gli occhi fissi sull’obbiettivo ed a commento della presa di posizione “pilatesca” di Trump chiama, oltre che analisti internazionali, la Presidente delle comunità ebraiche italiane Noemi Di Segni, la quale ritiene che il progetto due popoli – due nazioni non sia stato (e non debba essere) accantonato. Tornando sullo scontro tra stampa e presidenza USA, Tg La7 giudica le accuse scagliate da Trump ai media un “polverone”, segnalando come più di qualcuno (leggi Washington Post) cominci a parlare di avvisaglie di un vero e proprio Trump-Gate.

Le proteste dei tassisti che hanno bloccato i principali aeroporti ed i centri di Roma, Milano e altre città, sono primo titolo per Mediaset e Tg1, con grande attenzione sul decreto che ha posticipato a settembre l’attuazione delle misure previste sui servizi di carsharing e di noleggio con autista. Tg1, ma anche Tg3 e Tg La7, ci ricordano fin dai titoli che la norma della discorda è soltanto uno dei provvedimenti del Mille Proroghe passato oggi al Senato, e tra cui si trovano i blocchi sui mutui per le aree terremotate. Tg4 non resiste e spulcia il decreto in cerca di misure pro casta a cui rivolgere le consuete staffilate.

Solo Tg La7, irriducibile, apre sugli scontri interni tra maggioranza e minoranza Pd con l’ultimatum pre-scissione di Bersani a Renzi. Un’uscita che si inserisce in un contesto di “mediazioni in salita” (titolo TG3). Tg5 stasera chiama diversi politici ed analisti a commentare i dissidi nel partito di maggioranza relativa, con Riccardo Barenghi de La Stampa che vede la scissione inevitabile.

Una particolare fattispecie di pagina politica è quella dedicata da tutti alla terza polizza sottoscritta da Romeo a favore della sindaca Raggi, la quale risponde con un esposto.

L’inchiesta che ha toccato il Presidente Pd della Regione Abruzzo D’Alfolso, indagato per corruzione e turbativa d’asta, è nei titoli per Tg1 e Tg La7. Mentana riesce ad infilare in scaletta anche l’iscrizione del padre dell’ex premier Renzi tra gli indagati dell’inchiesta Consip, mentre Tg1 e Tg5 la danno da studio. Spazio sui Tg Rai, ma anche Tg5, all’inchiesta su un giro di appalti e tangenti al teatro Petruzzelli di Bari. In una giornata non povera di ipotesi di corruzione, l’anniversario dei 25 anni dall’inizio di Tangentopoli ottiene un titolo solo su Tg2, ma servizi su La7 e gli altri Rai, che propongono un’intervista con un protagonista dell’epoca, Gherardo Colombo.

Tg3 dedica un lungo servizio sulla situazione in Libia e le iniziative, finora inefficaci, per il controllo dei flussi migratori, che continuano a produrre vittime anche a poche miglia dalle coste. Il processo di pacificazione in Siria interessa stasera solo i Tg Rai, con Staffan De Mistura che sul Tg3 osserva come il prossimo meeting potrebbe garantire più duraturo cessate il fuoco, mentre Tg2 già guarda ad una difficile ricostruzione. I nuovi attentati dell’Isis in Iraq e Pakistan, sono date da studio daTgLa7.

Tra le varie ed eventuali, l’iniziativa del ministero per il reinserimento dei 1.600 licenziati dai Almaviva, è nei titoli per Tg3 e presente nei servizi di Tg1 e Tg5. I successi del comparto Radio di Mediaset appassionano solamente le testate minori di Cologno Monzese (titoli per Tg4 e Studio Aperto), ma ieri ne aveva parlato Tg5. Ad attrarre un interesse diffuso, con titolo per Tg4, Tg5 e Tg1, sono le palme e i banani piantati nella piazza del Duomo di Milano

Luca Baldazzi

Dati auditel dei Tg di giovedì 16 febbraio 2017

“One or two it’s the same”

Leggi i commenti