Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Menù alla carta

5 Novembre 2014, 23:33pm

Pubblicato da albertobaldazzi

menuI Tg di mercoledì 5 novembre – Aperture assai differenziate, con TgLa7 e Tg2 che scelgono la politica e l’incontro Renzi-Berlusconi, quelli Mediaset che privilegiano il maltempo e nel caso di Tg5 addirittura la diretta calcistica Bayern-Roma. Tg3 porta in tavola come primo piatto l’anatra azzoppata dal voto Usa del midterm. Tg1 dà ampio spazio all’allarme meteo che domani bloccherà anche la Capitale (scuole chiuse), ospitando in diretta il sindaco Marino. A proposito del maltempo che in giornata ha funestato due terzi d’Italia, con i maggiori problemi a Carrara e nel basso Piemonte, va segnalato che tutte le testate fanno ricorso massiccio allo street-journalism, una volta tanto non per coprirsi dietro il paravento del web, ma per meglio illustrare i guasti riscontrati dai cittadini direttamente colpiti nei tanti territori resi fragili dall’incuria e dalle speculazioni. Per la politica la Rai mostra scetticismo, mentre Mentana quasi decreta la fine del patto del Nazareno. Mediaset si mostra più asettica, in attesa forse della linea che Berlusconi proporrà nelle prossime ore in merito alle modifiche dell’Italicum proposte da Renzi. A risentir parlare di soglie, quote, listini bloccate e preferenze, sembra di assistere ad un nastro riavvolto e quasi si rimpiange il (quasi) quotidiano protagonismo comunicativo di Renzi. Sulla Rai ampio spazio al premier, ma in versione di “inquilino di Palazzo Chigi” che esplicitamente dichiara di non poter dichiarare, in quanto capo dell’esecutivo, sulla vicenda Cucchi, per non invadere la sfera della Magistratura. Quello che pensa lo fa comunque capire, e lo stesso continua a fare Grasso, seconda carica dello Stato, che dopo l’invito di ieri “Chi sa, parli”, riceve oggi la famiglia Cucchi che così, dopo 5 anni può affermare di non sentirsi più totalmente abbandonata dalle istituzioni. L’attenzione a Obama come abbiamo detto è in apertura su Tg3 e molto forte su gli altri Rai e su La7. Sempre per gli esteri va segnalata la messa a fuoco sulle prime mosse di Juncker in parte inaspettate, abituati a 10 anni di Commissione Barroso. E’ soprattutto Tg2 a proporre l’interpretazione di un Presidente Ue che vuole (finalmente!) svolgere un ruolo politico e non da burocrate prono ai diktat e dei governi e, soprattutto, di quello tedesco. Sempre a proposito di Germania buono l’approfondimento ancora su Tg2 a pochi giorni dal 25° anniversario del crollo del muro.

Ieri avevamo notato l’eccessivo spazio dato da quasi tutto alle scontate posizioni del Vaticano contrarie al suicidio assistito (caso Brittany). Questa sera sulla Rai ampio rilievo a una notizia che ha maggiore spessore giornalistico: i tuoni e i fulmini lanciati da Papa Francesco contro le logiche economicistiche della Sacra Rota. Oltre al valore giornalistico per una posizione tutt’altro che scontata, segnaliamo quello politico di un papato che mentre si apre al mondo non dimentica di far pulizia nelle sacre sale.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei Tg di martedì 4 novembre 2014 Tg1 - ore 13:30 3.572.000, 21,16% ore 20:00 6.033.000, 23,69%. Tg2 - ore 13:00 2.430.000, 15,71% ore 20:30 1.964.000, 7,28%. Tg3 - ore 14:30 1.872.000, 11,78% ore 19:00 2.029.000, 10,39%. Tg5 - ore 13:00 3.236.000, 20,73% ore 20:00 5.127.000, 19,95%. Studio Aperto - ore 12:25 2.243.000, 17,39% ore 18:30 1.142.000, 7,11%. Tg4 - ore 11.30 510.000, 7,72% ore 18:55 864.000, 4,45%. Tg La7 - ore 13:30 647.000, 3,81% ore 20:00 1.240.000, 4,86%.

Fonte:www.tvblog.it

Commenta il post

Menù alla carta 11/05/2014 23:35

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]