Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Lucidità, merce rara…

7 Ottobre 2013, 20:21pm

Pubblicato da albertobaldazzi

602-408-20131007_182912_37ab9c9cI Tg di lunedì 7 ottobre - Tra le tante dichiarazioni che stanno accompagnando la tragedia di Lampedusa – alcune sentite, altre un po’ retoriche, per non parlare di quelle “pelose” di chi ha chiuso e continua a chiudere gli occhi - spicca per rara lucidità quella odierna del Presidente Napolitano che, dalla Polonia, mette a fuoco l’emergenza delle ultime settimane chiamandola con il suo vero nome: emergenza umanitaria. I somali, gli eritrei e i siriani non sono “immigrati” da considerare o meno “clandestini”. Sono richiedenti asilo. L’Italia e l’Europa, dunque, non hanno davanti il tradizionale problema dell’immigrazione dalla sponda sud del Mediterraneo, ma quello di giovani profughi e famiglie che sfuggono dalla guerra, dalle persecuzioni e dalla fame. Tra i tanti servizi da Lampedusa spicca quello del Tg 3 che ci fa capire chi sono veramente i sopravvissuti dell’isola dei Conigli: ragazzi che cercano di comunicare con le madri via facebook con i telefonini dei giornalisti, e che contano quanti sono i morti tra mogli, figli, fratelli e parenti. Anche il Tg 2 “coglie” questa banale quanto decisiva sfumatura. Le affermazioni del Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz vanno nello stesso senso: l’Europa ha lasciato solo l’Italia nella vicenda profughi.

La politica ci offre la ripresa delle ostilità tra Pdl e Pd sull’imu. Ne avremmo volentieri fatto a meno. I Tg Mediaset “gongolano” perché il partito di Berlusconi-Alfano rimane fermo nella difesa della casa detassata anche per i ricchi: meno male che c’è qualcuno che “difende” gli italiani. Ovviamente le divisioni in casa Pdl con le bordate di Fitto contro Alfano, sono sfumate o assenti.

La preparazione della legge di stabilità con la speranza della diminuzione del cuneo fiscale, assorbe le energie di Letta, occupato a parlarne con i sindacati. Giachetti. Parlamentare Pd che riprende lo sciopero della fame per spingere le Camere a modificare il porcellum, ha spazio su tutte le testate.

Tg1 approfondisce lo stato dell’arte sul decreto sul femminicidio e presenta il libro di Malala, la diciasettenne pakistana sopravvissuta all’attentato dei talebani; Tg 3 ci porta a New Delhi, dove una quarantenne si è data fuoco per denunciare le violenze e i soprusi patiti sul posto di lavoro. Di ottica alquanto diversa lo spazio al femminile su Studio Aperto che, in rapida successione, ci delizia con la cognatina-rivale di Kate Middleton, con Nina Moric che abbandona facebook e con Belen, che invece lo presidia manu militari.

L’odierna udienza al processo grossetano sulla Costa Concordia , ripresa da tutti, mette in evidenza sempre di più le responsabilità di Schettino e dà il la a Tg 2 per un interessante approfondimento sull’industria delle crociere nel nostro Paese. Tg 2 è anche l’unica testata che parla dell’arresto di Francesco Gangemi, giornalista calabrese settantanovenne, condannato per diffamazione e per non aver rivelato le sue fonti. Non trattandosi di Sallusti o di qualche altro notabile dell’informazione, tutti gli altri glissano.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei tg di domenica 6 ottobre

Tg1 - ore 13:30 5.294.000, 27,04% ore 20:00 5.366.000, 22,22%. Tg2 - ore 13:00 2.831.000, 15,41% ore 20:30 1.931.000, 7,25%. Tg3 - ore 14:30 1.633.000, 8,38% ore 19:00 2.067.000, 10,91%. Tg5 - ore 13:00 3.735.000, 20,12% ore 20:00 4.980.000, 20,58%. Studio Aperto - ore 12:25 999.000, 6,13% ore 18:30 971.000, 5,75%. Tg4 - ore 14:00 589.000, 3,01% ore 18:55 1.074.000, 5,65%. Tg La7 - ore 13:30 871.000, 4,45% ore 20:00 1.362.000, 5,57%.

Fonte:www.tvblog.it

Lucidità, merce rara…

Commenta il post