Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

In onda lo sciopero Rai

11 Giugno 2014, 20:49pm

Pubblicato da albertobaldazzi

downloadI Tg di mercoledì 11 giugno - Lo sciopero dei dipendenti Rai non giornalisti (l’Usigrai si è tirata indietro dopo aver lanciato il sasso) priva la serata dell’informazione del primo, del terzo e del quarto Tg per ascolti. Solo notiziari da studio e assenza di immagini e servizi. Per la concorrenza, che forse - lo vedremo domani -, si dividerà i 14-15 milioni di teleutenti serali di questo inizio di bassa stagione, l’unico ad occuparsi di casa altri è Mentana, che in un titolo abbina lo “strano” sciopero del servizio pubblico contro il taglio alla Rai dei 150 milioni deciso dal governo, con quello milanese (ma anche europeo) dei tassisti contro Uber che erode quote di mercato per le auto bianche, utilizzando gli smartphone e le tasche vuote di semplici cittadini che danno passaggi a pagamento.

La vicenda della Rai è probabilmente destinata a diventare un tormentone estivo perché la sua riforma, invocata e al contempo temuta, apre un dibattito reale sulla mission del servizio pubblico che non si risolve con lo scontro sui tagli.

In primo piano per tutti, e apertura per Tg5, la bufera sulla Guardia di Finanza per l’arresto di due alti dirigenti, compreso il n°2 Vito Bardi che solo pochi mesi fa aveva preso il posto del precedente n°2, arrestato la scorsa settimana per le vicende legate al Mose. Questa volta a muoversi è la Procura di Napoli, ma la materia è la stessa: tangenti, corruzione, favoritismi nei controlli fiscali e mazzette. Niente di più inedito dell’edito. Non è inedito neanche l’intervento di Papa Francesco contro la corruzione durante l’udienza generale. Francesco ha detto che i corrotti pagheranno nell’altra vita. Per quella attuale dovrebbe impegnarsi la magistratura, la politica e il Commissario Cantone, ancora in attesa dei poteri che con ogni probabilità gli verranno conferiti dal Cdm di venerdì. A proposito di Cdm, Mentana ricorda che in settimana il governo avanzerà la riforma della pubblica amministrazione, un altro sasso in piccionaia che Renzi intende lanciare inseguendo il cambiamento. Prevediamo un forte consenso tra i cittadini “ordinari”, ed un irato dissenso tra i dipendenti pubblici.

Tg5 se la prende con il Commissario Cottarelli che dal suo titolo sembrerebbe intenzionato a spegnere le luci nelle pubbliche vie per far avanzare la spending review. Peccato che nel servizio si escluda esplicitamente questa curiosa eventualità, puntando invece su razionalizzazioni e tecnologia.

Il piatto forte di serata è il governo andato sotto alla Camera su un emendamento leghista che amplia la responsabilità civile dei magistrati. Dall’Estremo Oriente Renzi fa sapere che si recupererà al Senato, anche se TgLa7 conteggia un’ottantina di franchi tiratori del Pd nel voto segreto; gongola Forza Italia per il duplice risultato: lo schiaffo alla magistratura e le divisioni nel partito del premier.

Ieri sera avevamo segnalato da Tg2 la denuncia dell’abbandono degli scampati dei barconi, una volta salvati e sbarcati soprattutto in Sicilia. Questa sera se ne occupa in apertura Tg4, più che in spirito di solidarietà, in quello di denuncia della disorganizzazione della macchina dell’accoglienza e delle difficoltà oggettive del Ministro Alfano.

Concludiamo con la segnalazione di un ulteriore squallido servizio di Studio Aperto sulle così dette (da lui e, purtroppo anche da molti altri) “baby squillo” romane. Questa volta si tratta di una lunga intervista ad una compagna di scuola (presunta) maggiorenne ma, comunque, schermata e resa irriconoscibile. E così si procede alla grande nell’edificazione del mito di giovani dark ladies, pruriginose e morbose: più carnefici che vittime.

Alberto Baldazzi

 

Dati auditel dei Tg di martedì 10 giugno 2014 Tg1 - ore 13:30 3.527.000, 21,04% ore 20:00 4.565.000, 23,05%. Tg2 - ore 13:00 2.403.000, 15,42% ore 20:30 2.095.000, 9,33%. Tg3 - ore 14:30 1.690.000, 11,33% ore 19:00 1.433.000, 10,39%. Tg5 - ore 13:00 2.944.000, 18,71% ore 20:00 3.766.000, 18,95%. Studio Aperto - ore 12:25 2.241.000, 17,97% ore 18:30 915.000, 8,65%. Tg4 - ore 11.30 433.000, 6,83% ore 18:55 531.000, 3,84%. Tg La7 - ore 13:30 701.000, 4,17% ore 20:00 1.357.000, 6,73%.

Fonte:www.tvblog.it

Commenta il post

In onda lo sciopero Rai 06/11/2014 21:53

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]