Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Il mare del pianto

4 Ottobre 2013, 19:49pm

Pubblicato da albertobaldazzi

In un fermo immagine tratto da un video dei Vigili del Fuoco, il barcone affondato a Lampedusa, 4 ottobre 2013. ANSA/VIGILI DEL FUOCO ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

I Tg di venerdì 4 ottobre- Nel giorno del lutto nazionale ci è piaciuto Letta che, con molta semplicità, ha affermato che i disperati scomparsi davanti alla spiaggia dei Conigli sono vittime “italiane”. Come già ieri i Tg aprono (con l’eccezione di TgLa7) sul dramma di Lampedusa e sugli echi anche istituzionali odierni, con le frasi di Napolitano, Letta , Alfano e Papa Francesco da Assisi. Buone coperture e approfondimenti accettabili anche quando suonano – è il caso di Studio Aperto – come resipiscenza un po’ pelosa dopo i peana alla Bossi-Fini. La copertina del Tg di Rete 4 mostra “buona volontà”, parlando di rischio di lavanderia delle coscienze di fronte alle tante condanne e alle reazioni attonite delle ultime 36 ore; ma forse la Lacrimosa di Mozart ed il Dies Irae di Verdi sono evergreen un po’ troppo abusati e “coprono” una certa farraginosità di pensiero. Intendiamoci: la Bossi-Fini non è certo la causa delle stragi di disperati, ma è evidente che non aiuta, anzi, aggrava il problema. Abbiamo notato già ieri che i sopravvissuti di Lampedusa sono divenuti, appena toccata terra, dei “clandestini” per la legge italiana. La rilevanza non solo simbolica del viaggio del Papa nella città di Francesco è inevitabilmente compressa dai riferimenti, ampi quanto obbligati, all‘ ennesimo dramma davanti alle coste dell’ultimo lembo d’Europa.

Mentana – lo abbiamo già accennato – decide di aprire sulla decadenza di Berlusconi, tema presente dopo una ventina di minuti su tutte le altre testate. Scelta coraggiosa, nella serata in cui La7 manda in onda il Caimano di Moretti. Le reazioni del Cav. e dei berluscones, per qualche ora “ricompattati”, sono ovvie e scontate; lo stesso si può dire di quanto va in onda su Tg4, ovvero un lunghissimo servizio contrappuntato da brevi frasi di Ghedini che tenta di smontare la vicenda Mediaset che ha portato alla condanna del Capo. Il continuo riferimento allo stato di diritto e alle guarentigie per il cittadino, ovviamente violate dalla Giunta per le immunità, mostra la corda anche lessicalmente quando la chiusura del servizio annuncia che “il processo continuerà nell’Aula del Senato”. Se ieri (e anche oggi) le reazioni leghiste su Lampedusa hanno conquistato il podio dell’ignominia, lasciamo a voi la scelta della disciplina in cui in mattinata ha trionfato l’ex capogruppo Cinque Stelle Vito Crimi, autore di un post su facebook sul settantasettenne Berlusconi, caratterizzato da dubbio valore satirico e dall’inesistente caratura istituzionale e politica. La spiegazione, a parziale ammenda, è ancora peggiore: e se a “parlare di peti e di parti molle fosse stato Crozza?....”

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei TG di giovedì 03 ottobre Tg1 - ore 13:30 4.276.000, 24,02% ore 20:00 5.859.000, 24,14%. Tg2 - ore 13:00 2.844.000, 17,94% ore 20:30 2.339.000, 8,87%. Tg3 - ore 14:30 2.078.000, 13,49% ore 19:00 2.319.000, 13,70%. Tg5 - ore 13:00 3.181.000, 19,79% ore 20:00 5.106.000, 20,94%. Studio Aperto - ore 12:25 2.305.000, 18,44% ore 18:30 928.000, 7,34%. Tg4 - ore 14:00 817.000, 4,81% ore 18:55 .000, %. Tg La7 - ore 13:30 985.000, 5,53% ore 20:00 1.755.000, 7,11%.

Fonte.www.tvblog.it

Il mare del pianto

Commenta il post