Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Grazie, Maestro

20 Gennaio 2014, 23:10pm

Pubblicato da albertobaldazzi

abbadoI Tg di lunedì 20 gennaio - Per l’addio a Claudio Abbado le diverse testate hanno ricordato l’attività incessante e l’impegno del grande direttore d’orchestra per la cultura, intesa non tanto in una dimensione accademica ma come strumento di crescita e di emancipazione degli individui e delle masse. Enrico Mentana ha usato poche parole, preferendo dedicare alcuni minuti alla visione e all’ascolto del Requiem di Mozart, magistralmente diretto da Abbado qualche mese fa al Lucerne Festival Orchestra. Grazie, Maestro.

La direzione d’orchestra di Matteo Renzi, tra i crescendo, i pianissimo, i fugati della politica nostrana, viene giudicata dai Tg con grande benevolenza, a prescindere dalla qualità dello spartito. Per le testate Mediaset in primo piano il plauso di Berlusconi e la “gogna” per la minoranza interna che oggi si è espressa in Direzione con l’intervento del Presidente Cuperlo. Quelle della Rai hanno ripreso senza particolari commenti le reazioni, interne ed esterne al Pd, al piano renziano che mette insieme riforma elettorale, modifica del titolo quinto e abolizione del

Senato elettivo. TgLa7 propone la sintesi meno “descrittiva” e più “interpretativa”; lo scontro Renzi-Cuperlo (che molti Tg hanno enfatizzato ma che, visti i risultati del voto in direzione, non appare destinato a finire nel sangue) viene esemplificato attraverso la citazione del passaggio più duro, quello in cui Renzi ha ricordato a Cuperlo di non essere arrivato in Parlamento passando per le primarie. Nel frattempo Enrico Letta “si riposa”, e le immagini proposte un po’ da tutti lo riprendono in una postura che lo fa assomigliare alla Pantera Rosa, col passo felpato per un cammino che durerà almeno un anno.

Anche se le immagini del disastro idrogeologico del Paese riempiono i file degli archivi di tutte le testate, quelle di giornata che vengono dall’Emilia - con l’esondazione del Secchia - e dalla Liguria - col crinale di collina sceso a mare – sono particolarmente impressionanti e in entrambe i casi attestano come di naturale i queste sciagure non ci sia proprio nulla. Quelle proposte dal Tg1 sono particolarmente agghiaccianti, perché creano il contrasto tra un paesaggio placido e piatto, quello della bassa modenese. Che appare quasi predisposto a diventare un lago.

Appare tranquillo e compassato, essendo invece terrificante, anche l’eloquio di Totò Riina intercettato dagli inquirenti con il quale l’ex capo di Cosa Nostra ricorda nostalgicamente i “botti” con cui si è liberato di tanti magistrati che lo ”disturbavano”, dicendosi tentato di proporre gli stessi fuochi d’artificio per Antonino Di Matteo: nei titoli per Tg1 e TgLa7.

Studio Aperto e Tg4 ripropongono lo splendore della consueta cronaca nera e criminale; il sesso “tira”, e così Studio Aperto previlegia la nuova ondata di “baby squillo” nella Capitale, mentre tutte le testate di Cologno Monzese forniscono dettagli ulteriori sul contratto sesso-contro soldi ambientato nei palazzi della Regione Abbruzzi.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei TG di domenica 19 gennaio 2014 Tg1 - ore 13:30 5.158.000, 24,76% ore 20:00 5.732.000, 22,58%. Tg2 - ore 13:00 2.978.000, 15,14% ore 20:30 1.998.000, 7,30%. Tg3 - ore 14:30 1.803.000, 8,64% ore 19:00 2.216.000, 10,15%. Tg5 - ore 13:00 3.358.000, 16,99% ore 20:00 4.820.000, 18,97%. Studio Aperto - ore 12:25 1.916.000, 11,26% ore 18:30 1.108.000, 5,51%. Tg4 - ore 14:00 870.000, 7,27% ore 18:55 972.000, 4,44%. Tg La7 - ore 13:30 738.000, 3,52% ore 20:00 1.398.000, 5,48%.

Fonte:www.tvblog.it

Grazie, Maestro

Commenta il post

Grazie, Maestro 01/20/2014 23:11

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]