Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Berlusconi 0 – Letta 3: vittoria in trasferta

1 Ottobre 2013, 20:23pm

Pubblicato da albertobaldazzi

vittoria-0-31 I Tg di martedì 1 ottobre - In una serata di Champions il premier Letta incassa una clamorosa vittoria in trasferta, perché negli ultimi dieci giorni si è giocato di rimessa sulle mosse scomposte del Cav. Il primo goal è rappresentato dalla sua quasi sicura permanenza a Palazzo Chigi, con il supporto di un pattuglione di senatori Pdl se non addirittura dell’interno partito (che fu) di Berlusconi. Il secondo goal è in realtà un autogoal: Berlusconi ha segnato nella sua porta proponendo azioni sconsiderate che le convulsioni del caimano non stanno riuscendo a recuperare. Il terzo goal è quello della (momentanea) pace interna nel Pd, santificata dal lungo intorno odierno tra Letta e Renzi. Ma la squadra avversaria oltre che sconfitta, risulta annientata, come quando un’equipe arriva a fine ciclo. Nei Tg di serata va in onda la sconfitta del Capo, ripudiato in queste ore dalle colombe del Pdl che acquistano la consistenza di un corposo stormo di migratori. Mentana parla della “vita del Pdl appesa ad un filo”, mentre Stefano Folli commenta su Tg 1 che siamo di fronte ad un momento straordinario: la frantumazione del Pdl o, in alternativa, la vittoria di Alfano con conseguente uscita di scena di Berlusconi, come (ndr) lo scorso anno è accaduto per Bossi nella lega. Il passato riaffiora dalla palude con la disponibilità della Santanchè (Tg3, TGLa 7, Tg1, Tg 2) a farsi da parte, per allontanare dal Capo l’amaro calice della definitiva sconfitta; Bondi che afferma di essere disposto a votare la fiducia a Letta “solo se Berlusconi glie lo chiede”, fa il paio con quel parlamentare del Pdl intervistato da Tg 3 che afferma come per gli azzurri la democrazia consiste nel riconoscersi, qualunquemente e quantunquemente, nel volere del Capo: armamentari di un passato tutt’altro che fulgido. Il “nuovo che avanza” sarebbe Marina Berlusconi che, ben inquadrata soprattutto Tg la7, entrerebbe in campo per rimediare all’autolesionismo del padre, pensionandolo come Presidente onorario del partitino proprietario. La notte sarà lunga, ma l’ulteriore attacco pomeridiano del Cav a Letta e Napolitano e la notizia (apertura per Tg2) di Letta che respinge le dimissioni dei ministri Pdl, stanno a indicare un orizzonte oramai ben delineato. Passando al fronte Mediaset, come altre volte accaduto Tg 4 e Studio Aperto dopo aver fatto gli struzzi e i pompieri nelle precedenti serate, propongono al loro pubblico un piatto di serata condito di amarezza e non presente nel menù: i dissidi interni fino a ieri negati, sono esplosi in cucina. Tg 5 è, paradossalmente, alquanto corretto nella ricostruzione della giornata, fino a giungere al punto di “riprendere” le preoccupazioni internazionali e il sostegno a Letta da Ue ,Ocse, Parlamento Europeo: forse un segnale che lo scontro che scuote il “partito-azienda” preoccupa anche l’”azienda”, che in qualche misura si prepara al “dopo”. Archiviata una giornata politica che forse rimarrà storica, su tutti compaiono i riflessi dell’aumento dell’Iva e i nuovi dati Istat sulla disoccupazione giovanile ed il day after della tragedia sulle coste del ragusano. Tg3 e Tg 2 illuminano la disperazione sincera dei cittadini di Scicli e dei turisti che si sono prodigati nel tentativo di salvare gli immigrati costretti a gettarsi in acqua dalle frustate degli scafisti. Il dialogo tra Papa Francesco ed Eugenio Scalfari, ma anche la pulizia che fa il suo ingresso nello Ior, sono presenti su Tg 1 e Tg2. I problemi dell’amministrazione Obama nel primo giorno del ricatto repubblicano che, puntando all’annullamento della riforma sanitaria, ha chiuso i cordoni della spesa federale, con la conseguenza di ottocentomila lavoratori pubblici rimasti a casa e la chiusura di parchi nazionali e della stessa Statua della Libertà, sono presenti su tutti. Anche i (governi) ricchi piangono.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei TG di lunedì 30 settembre 2013 Tg1 - ore 13:30 4.075.000, 22,99% ore 20:00 5.444.000, 21,91%. Tg2 - ore 13:00 2.958.000, 18,42% ore 20:30 2.399.000, 8,66%. Tg3 - ore 14:30 2.085.000, 13,17% ore 19:00 2.412.000, 13,88%. Tg5 - ore 13:00 3.283.000, 20,24% ore 20:00 5.294.000, 21,19%. Studio Aperto - ore 12:25 2.367.000, 18,41% ore 18:30 948.000, 7,13%. Tg4 - ore 14.00 598.000, 3,47% ore 18:55 846.000, 4,90%. Tg La7 - ore 13:30 977.000, 5,50% ore 20:00 2.028.000, 8,06%.

Fonte:www.tvblog.it

Berlusconi 0 – Letta 3: vittoria in trasferta

Commenta il post

Alberto Baldazzi 10/02/2013 14:53

Caro Fernando,
le critiche fanno sempre piacere.
Di fronte ad una ventilata vittoria dello sdrucito centrosinistra nel
braccio di ferro con il Caimano, mi sono lasciato prendere dal "tifo".
Inoltre, da una punto di vista comunicazionale, mi ricordo e ti ricordo che mentre per te, me ed alcuni altri
la serata di ieri era quella "storica" della fine di B., per la maggioranza degli italiani il vero sconfitto è risultato il Napoli contro
l'Arsenal.
Grazie per la tua attenzion ed i saggi consigli
Alberto Baldazzi

Fernando Cancedda 10/02/2013 10:11

Titoli fru-fru, metafore sportive....caro Alberto, sei su una brutta strada...Fernando

10/01/2013 21:28

[…] CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTEGRALE […]

Berlusconi 0 – Letta 3: vittoria in trasferta 10/01/2013 21:26

[…] CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTEGRALE […]