Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

A carte (s)coperte

13 Novembre 2014, 23:02pm

Pubblicato da albertobaldazzi

carteI Tg di giovedì 13 novembre - Questa sera partiamo dalla coda, ovvero dall’approfondimento del Tg2 che per lunghi minuti propone 3 ottimi servizi sulla piaga del gioco d’azzardo. Il primo, scevro dalle abusate dosi di retorica e pietismo, dedicato alle vittime; il secondo al “carnefice”, ovvero allo Stato Biscazziere; il terzo al “complice”, ovvero alla criminalità organizzata che allunga le mani sia sul gioco legale che su quello clandestino. Più di 80 miliardi di giro d’affari, dal quale lo Stato ricava solo 11 miliardi contribuendo a impoverire i ceti disagiati e ad ammalare trasversalmente di ludopatia cittadini delle più disparate estrazioni sociali. La proposta del Tg2 rappresenta un caso esimio di come il Servizio Pubblico può (o potrebbe) svolgere la sua funzione, miscelando il buon giornalismo con gli interessi reali dei cittadini. Senza far uso dei tempi e delle formule tipiche delle (rarissime) inchieste, si dimostra in tal modo che anche un Tg può tirare avanti la carretta nella direzione giusta. Quella di stasera ha scoperto le carte di un gioco che di giocoso non ha proprio niente.

Per la politica segnaliamo il consueto attaccamento delle diverse testate agli sviluppi reali o presunti delle “tensioni” di giornata. Archiviate quelle sul Patto del Nazareno (che Mediaset neanche cita, di fronte al risultato pur minimo che il Capo ha strappato), all’ordine del giorno c’è il sussulto del Ncd per le modifiche alla Camera al jobs act che accontentano una sinistra Pd che, con ogni probabilità, troverà immediatamente una nuova location per attaccare Renzi, dopo che sull’Italicum il premier ha tenuto conto delle critiche degli anti renziani. Apertura per tutti i Tg Rai e per La7. Non sono pochi quelli che, a destra, al centro e soprattutto a sinistra, in questa fase tengono coperte carte e scartine, in un gioco in cui la trasparenza è merce rara.

Attenzione su tutti alla vicenda romana di Tor Sapienza, su cui Tg4 propone un editoriale del Direttore Giordano che una volta tanto non utilizza i toni tipici dei banchi dei mercati rionali. Le periferie che esplodono non sono solo uno slogan della destra razzista e di Salvini, e qualcuno dovrebbe occuparsene.

Le cattive notizie che provengono dall’Europa (Bce) e dall’odiatissima Standard & Poor’s non hanno grande spazio, se si escludono Tg1 e Tg2, malgrado si materializzi il rischio di una terza recessione continentale in meno di 8 anni. La sentenza d’appello al processo Ruby, con la conferma dell’impianto accusatorio ma con la riduzione delle condanne a Mora, Fede e Minetti (i cui avvocati paradossalmente sprizzano gioia) compare nei titoli e in ampi servizi su La7 e Rai ma, guarda caso, non affascina minimamente Mediaset.

La lunga e sentita rassegna di immagini di Vittorio De Sica, a quarant’anni dalla scomparsa, nobilita la parte finale di quasi tutte le edizioni.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei Tg di mercoledì 12 novembre 2014 Tg1 - ore 13:30 3.899.000, 22,41% ore 20:00 6.185.000, 24,60%. Tg2 - ore 13:00 2.764.000, 17,52% ore 20:30 2.348.000, 8,86%. Tg3 - ore 14:30 1.931.000, 11,79% ore 19:00 2.319.000, 11,81%. Tg5 - ore 13:00 3.332.000, 20,90% ore 20:00 5.509.000, 21,72%. Studio Aperto - ore 12:25 2.181.000, 16,95% ore 18:30 1.141.000, 7,01%. Tg4 - ore 11:30 539.000, 7,73% ore 18:55 781.000, 4,00%. Tg La7 - ore 13:30 743.000, 4,25% ore 20:00 1.368.000, 5,41%.

Fonte:www.tvblog.it

Commenta il post

A carte (s)coperte 11/13/2014 23:04

[…] LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE […]