Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Il ruggito di Draghi

7 Febbraio 2017, 00:57am

Pubblicato da Alberto Baldazzi

Il ruggito di Draghi

I Tg di lunedì 6 febbraio – Il quadro dell’informazione si mostra stasera in larga parte dominato da due protagonisti: Mario Draghi, il cui intervento sull’“irrevocabilità” dell’Euro figura in apertura dei Tg Rai e Tg5, e la risalita dello spread, tornato dopo 3 anni oltre quota 200, che ottiene il primo titolo anche sul Tg4. Il resto delle notizie segue in ordine sparso, eccezion fatta per Tg La7. La testata di Enrico Mentana sceglie infatti di aprire sullo spettro della “Frexit”, con Marine Le Pen che nel suo discorso di candidatura di ieri alle Presidenziali francesi ha ribadito di avere nel programma l’uscita dalla moneta unica; una decisione che fa traballare la stabilità dell’Unione, sconquassata dall’instabilità politica di alcuni paesi (tra cui l’Italia). C’è poi l’azione di Trump, che contribuisce ad una brutta giornata per le borse e gli spread di quasi tutti i paesi membri (secondo titolo per Tg la7). In questo quadro va inserito (come fa Mentana) il “ruggito” di Mario Draghi (terzo titolo) che, come un leone in gabbia si scaglia sia contro i detrattori “interni” dell’Europa e dell’euro, sia contro chi dall’esterno (leggi Trump) vorrebbe un’Europa fratturata.

Tg3 produce una buona copertura delle oramai imminenti (maggio) elezioni francesi, segnalando che, al ballottaggio, il centrista Macron potrebbe battere la leader dell’Ultradestra. Interessante anche il Tg2 che, presentando la campagna del candidato comunista Melenchon - che si è avvalso di ologrammi per presenziare a due eventi in contemporanea - ha proposto una riflessione non banale sul ruolo del corpo e della presenza nelle campagne elettorali. Restando ancora in Europa, diverse testate riprendono nei servizi il protrarsi delle proteste di Bucarest, arrivate al 7 giorno, con i manifestanti che chiedono le dimissioni dell’attuale governo.

I bisticci della politica nostrana impallidiscono a fronte di ciò che ci aspetta in Europa; le aperture di Renzi a primarie e congresso e lo spettro della scissione Pd, figurano solo in un titolo basso di Tg La7. Maggiore spazio ottengono le minacce di querela da parte di Di Maio al giornalista de L’Espresso Emiliano Fittipaldi per la vicenda delle polizze assicurative, cui il settimanale risponde “invitando” a recarsi in Procura il maggiorente dei Cinque Stelle. Spazio analogoi vanno alla odierna difesa della sindaca Raggi da parte del garante-padrone Grillo.

La grande “beffa” ai pendolari italiani, che da dieci anni pagherebbero prezzi maggiorati per i biglietti a causa di un difetto nell’algoritmo con cui determinano i rincari, è alta sulle testate Mediaset (seconda notizia per Tg5, ma titolo anche per Tg1). Sempre sui Tg Mediaset si torna a parlare dei numeri dell’immigrazione (titolo per Tg4, servizio per Tg5): nel gennaio 2017 sono arrivati +64% dei profughi nello stesso mese del 2016 (9.359 contro circa 6000). Ma se l’ammiraglia di Cologno Monzese registra i recenti passi avanti fatti sul fronte della diplomazia internazionale tra Italia e Libia per limitare flussi e la tratta degli esseri umani, il Tg di Mario Giordano si “accontenta” di atterrirci con previsioni allarmanti su nuove ondate di cui “c’è da avere paura”.

Buone le coperture del Tg3 (lungo servizio) e di Tg1 (intervista al sindaco di Caserta) sullo stato dei comuni italiani sciolti per mafia.

Alta su Tg4 e Studio Aperto l’indagine durata 4 anni che ha svelato come il 7% dei preti cattolici in Australia avrebbe compiuto violenze su minori; presente anche sulle altre testate.

Segnaliamo in chiusura l’apertura di Studio Aperto sulla manifestazione delle madri dei bambini malati di tumore nella terra dei fuochi, organizzata dopo che, in pochi giorni, ne sono morti altri 8. Un appello raccolto anche dai Tg delle 20 e presente sin dai titoli di Tg3, Tg4 e Tg5.

Luca Baldazzi

 

Dati auditel dei Tg di lunedì 6 febbraio 2017

Il ruggito di Draghi

Commenta il post

Ff 02/09/2017 14:15

Il candidato "liberale" Mélenchon ? Sarebbe doveroso informarsi prima di voler informare gli altri !

Luca Baldazzi 02/09/2017 14:20

Provvediamo a corregere, grazie