Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Albertobaldazzi

Di qua e di là dell’Atlantico

27 Gennaio 2017, 21:38pm

Pubblicato da Alberto Baldazzi

Di qua e di là dell’Atlantico

I Tg di venerdì 27 gennaio – Mai come questa sera le tensioni internazionali e le dinamiche europee hanno informato così profondamente l’informazione dei Tg. Tg 5 e TgLa7 sono intervenuti “editorialmente” sul tema dei rapporti tra Roma e Bruxelles, in una forma inusuale perché non “sospinta” dal dichiarazionismo politico di giornata. Andiamo con ordine. Sullo sfondo degli scambi tra Moscovici da una parte e Padoan e Gentiloni dall’altra, Tg5 presenta una copertina ben curata in cui prende posizione sui limiti dell’azione europea e sulla sua incomprensione della situazione italiana, ricordando che, malgrado ciò, l’Europa è per noi più che per altri un valore assoluto. Un intervento assolutamente “europeista”, infuso di orgoglio e identità nazionale e sostanzialmente coincidente con le posizioni del governo. Che ciò avvenga sulla maggiore televisione di Berlusconi, è politicamente assai rilevante, tanto più se si considera che una parte di Forza Italia (leggi Gasparri ripreso da TgLa7) utilizza le polemiche di giornata per accusare Renzi e il suo successore a Palazzo Chigi, mentre Tg4 apre sulla ”stangata” che viene data per certa e che pescherà “nelle tasche degli italiani”.

 

Sempre in tema di Europa. TgLa7 presenta addirittura un servizio “serio” sull’ipotesi di un parziale ritorno alla lira, premettendo che ciò non avviene nel solco dell’imperante populismo, bensì sulla scorta di studi altrettanto “seri” di alcune agenzie finanziarie , precisando però che queste possono essere “più o meno interessate”.  

 

E’ raro trovare in un Tg questa capacità di presentare temi e aspetti che la politica riduce a slogan incomprensibili o troppo facilmente comprensibili. Complimenti a Tg5 e TgLa7.

 

L’altro scenario internazionale che oggi riscontra un primo passaggio sia simbolico che concreto, è quello transatlantico con l’incontro tra Trump e Teresa May. In apertura su Tg2 e nei titoli per Tg4, Tg1 e Tg5, il nuovo Presidente che incontra l’Europa, seppure sub specie brexit, smentisce se stesso e afferma che la Nato sarà sempre sostenuta dagli Usa. E’ una notizia non di poco conto. C’è poi la vicenda del muro con il Messico. Ieri avevamo sottolineato il paradosso di una rottura diplomatica avvenuta via tweet. Oggi il clima è cambiato. I Presidenti Usa e Messicano si sono parlati a lungo; non hanno trovato un accordo, ma si sono impegnati a non fare più dichiarazioni aggressive, e a risolvere la questione su di un piano diplomatico avvolto nella riservatezza. Tutte le testate realizzano buone coperture, mentre Tg2 presenta un approfondimento sui messicani che vivono negli Usa che merita forte apprezzamento. 

 

Insomma, questa sera abbiamo trovato del “giornalismo” nell’informazione di serata. Non capita spesso.

 

Le coperture sulla Giornata della Memoria sono presenti su tutti e sostanzialmente apprezzabili. Mentana ci mette del suo quando, da studio, aggiunge valutazioni sentite e tutt’altro che retoriche.

 

Venendo alla situazione imbarazzante della Sindaca di Roma Raggi, i Tg tornano per così dire “alla routine”, e soprattutto quelli Rai (ma anche Tg5) si mostrano assai “interessati” (nei titoli per Tg1, Tg3 e Tg5).

 

L’ultimo femminicidio riceve ampio spazio su Mediaset ma anche da Tg1, mentre Tg4 non perde né il pelo, né il vizio, e “si diffonde” ampiamente, e certo non “benevolmente”, sul campo rom della Capitale che ha fatto da sfondo alla morte della ragazza cinese qualche tempo fa.

 

Alberto Baldazzi

Commenta il post